Visitare il Castello di Gropparello: orari, biglietti e come raggiungerlo
Skip to content Skip to sidebar Skip to footer
Sommario

Dove si trova il Castello di Gropparello

vista aerea di gropparello e del suo castello

Il Castello di Gropparello si trova nel cuore dei Colli Piacentini, nel mezzo della Val Vezzeno. Questa fortificazione è nota proprio per la sua posizione. Il castello si trova arroccato sulla cima di un’altura ed situato nel suo omonimo Borgo di Gropparello.

È costruito a picco su un dirupo, sul cui fondo scorre il torrente Vezzeno, da cui la valle prende il nome.

L’intera costruzione si trova in un punto strategico e ciò ha contribuito alla sua fama, oltre che a renderlo inattaccabile nei secoli passati.

Curiosità

entrata del castello di gropparello al tramonto

Il castello è una vera e propria fortezza inespugnabile. Essendo situata in un punto strategico, capitava di frequente che fosse preda di frequenti attacchi. Per poter resistere agli assedi più lunghi fu ideato un ingegnoso metodo di approvvigionamento.

Alla base della torre venne scavata una grande cisterna. Questa permetteva di non dover lasciare la rupe per rifornirsi di acqua, evitando i pericoli esterni. 

Le leggende del castello 

Secondo le leggende popolari, nel castello abiterebbe il fantasma di Rosania Fulgosio.
Rosania era una giovane donna, rimasta vittima della gelosia del marito Pietrone da Cagnano.

La storia racconta che nel 1200 il castello venne attaccato da Lancillotto, un vecchio amore di Rosania. In quel momento, Pietrone non sarebbe stato presente. Durante l’attacco i due ex amanti si sarebbero ricongiunti.

Quando l’attacco terminò, il marito di Rosania tornò al castello. Scoperto il tradimento escogitò un crudele piano di vendetta: la drogò con del vino e una volta addormentata la murò viva in una stanza nascosta. 

Alcuni visitatori ancora oggi riferiscono di sentire la presenza dello spirito. Esistono alcune foto che si pensa la ritraggono. Le apparizioni del fantasma sono però silenziose. Si dice che Rosania si aggiri attraversando le pareti, senza però mai importunare nessuno. 

Visitare il Castello 

borgo e castello di gropparello entrata

Il Castello di Gropparello è aperto al pubblico tramite visite e mostre. 

Sono numerosi i percorsi di visita consentono di ammirare le numerose stanze all’interno, da scoprire insieme a una guida preparata. 

Fra gli angoli più suggestivi si segnala la “Sala degli strumenti musicali”, che racchiude pianoforti, arpe, flauti, clavicembali e altri strumenti antichi. 

Molti degli strumenti esposti sono ancora funzionanti. Qui spicca una copia perfettamente conservata di un clavicembalo italiano risalente alla fine del ‘600, insieme a un pianoforte a gran coda del 1847. Quest’ultimo è attribuibile a Pierre Erard in persona, uno dei più famosi costruttori di strumenti musicali di sempre. 

Il Castello di Gropparello è inoltre visitabile anche in occasione di giornate e manifestazioni speciali, come “l’assalto al castello” organizzato nel mese di marzo e “lo sposalizio” a giugno. Si tratta in entrambi i casi di rievocazioni storiche medievali. L’intera fortezza è spesso infatti sede di scenografici eventi, che intrattengono i visitatori durante tutto l’anno e non solo d’estate: non perdetevi, infatti, le serate organizzate durante le notti di Natale ed Halloween!

Il Parco delle Fiabe 

Oltre alle stanze interne si consiglia una visita al circostante Parco delle Fiabe e al Museo della Rosa Nascente. Il Parco delle Fiabe rappresenta il primo parco emotivo d’Italia: un’oasi verde che si estende per ben 20 ettari, circondando tutto il Castello. 

Il parco offre uno spettacolo unico di alberi secolari e roseti, un luogo ideale per chi ama il verde e la tranquillità. In questo spazio all’aperto inoltre, vengono spesso organizzate attività per i più piccoli: I bambini e i ragazzi vengono accompagnati da guide in costume, alla scoperta della natura che abita nell’enorme giardino. 

È proprio per questo motivo che il parco viene chiamato “emotivo”. I bambini sono infatti emotivamente coinvolti nella visita attraverso giochi e travestimenti, con il proposito di unire l’aspetto culturale e un lato ludico e divertente. 

Mangiare al Castello

Per chi volesse sostare a mangiare qualcosa, si segnala la presenza all’interno del Castello di una Taverna in stile medievale, aperta nei weekend e su prenotazione. A condurre la cucina è lo chef Paolo Capra. I menù variano in base alla stagionalità degli ingredienti e vengono accompagnati da ottimi vini piacentini locali.

Dormire nel Castello di Gropparello

Segnaliamo la possibilità di vivere un’esperienza del tutto unica: passare una notte all’interno del Castello di Gropparello

La struttura ospita infatti una speciale suite all’interno di una delle torri, sospesa tra il cortile principale e l’antico ponte levatoio. La torre, detta “Torre del Barbagianni” ospita una lussuosa suite con 4 stanze e un bagno scavato nella roccia, con vasca idromassaggio: l’ideale per un weekend romantico o una luna di miele.

Orari e Biglietti

vista in autunno del castello di gropparello

Il castello è aperto tutti i giorni ed è disponibile anche per matrimoni e altri eventi privati. 

L’orario di apertura è dalle 11.30 alle 16.00.

Si consiglia sempre di pre-ordinare online i biglietti per assicurarsi la disponibilità dei posti. È comunque possibile acquistarli anche in loco. 

I costi dei biglietti per il Castello di Gropparello sono:

  • Visita guidata diurna (per un minimo di 2 partecipanti): 10€
  • Visita guidata notturna (minimo 2 persone per i giorni festivi e prefestivi, 4 invece per gli infrasettimanali): 15 €

Nei giorni festivi è possibile acquistare un biglietto speciale che comprende sia la visita guidata al castello che il Parco delle fiabe. La prenotazione è obbligatoria ed è valida solo per i giorni di sabato e domenica, giorni in cui il Parco delle Fiabe è aperto.
Il costo è di 24€ per gli adulti e 20€ per i bambini. 

Sono previsti inoltre degli sconti per i tesserati convenzionati al Touring Club Italiano e a chi è in possesso della Card del Ducato. 

All’interno del Castello non è consentito portare animali. Tuttavia è disponibile un servizio di Dog-Sitting che può essere preventivamente prenotato gratuitamente scrivendo a: [email protected]

La storia del Castello

La storia del castello è antichissima, probabilmente di origine celtica. 

A rivelarlo sarebbe anche il nome: “Grop” in lingua celtica significa “barriera naturale”. Si tratterebbe di un chiaro riferimento alla sua posizione elevata. 

Secondo alcuni studiosi, già fra il III e II secolo a.C venne eretta la sua prima torre. Si pensa che gli antichi romani la utilizzassero per controllare l’arrivo di nemici. 

Per avere le prime fonti certe bisogna però aspettare l’810. È l’anno di stesura di un documento in cui il Castello di Gropparello viene citato. Nel testo si parla della cessione del castello da parte di Carlo Magno a Giuliano II, il vescovo di Piacenza. 

Nel 1300 le testimonianze indicano che il castello finì in mano alla famiglia Fulgosio. Era l’epoca delle lotte tra ghibellini e guelfi. I Fulgosio facevano parte dei guelfi, e per questo il castello subì spesso attacchi da parte della fazione opposta.

Quando nel 1848 morì l’ultimo esponente della famiglia Fulgosio, il Castello di Gropparello venne messo in vendita. Fu acquistato soltanto nel 1869 dal Conte Ludovico Marazzani Visconti Terzi. Fu lui a occuparsi della ristrutturazione. L’edificio, infatti, dopo secoli di incuria era ormai in rovina. Grazie all’aiuto dell’architetto Camillo Guidotti venne quindi riportato all’antico splendore. 

Dal 1947 il Castello è passato poi alla famiglia Gibelli. Tutt’oggi rappresenta la loro dimora principale. Nonostante sia una dimora privata, la fortezza rimane aperta al pubblico per visite ed eventi privati. Non è un caso che sia diventata anche la location per dei matrimoni da favola, in grado di ospitare fino a 100 invitati.

Come arrivare

Il Castello di Gropparello si trova nell’omonimo comune ed è facilmente raggiungibile dalle città di Piacenza, Fiorenzuola d’Arda e Fidenza.

In auto o in moto

Per chi arriva in autostrada, in base alla propria provenienza, si consigliano le uscite di: Piacenza Sud o Fiorenzuola Val d’Arda. Da lì sarà poi possibile raggiungere la strada provinciale SP6, da dove seguire le indicazioni per Gropparello. 

Da Piacenza il tempo di percorrenza è all’incirca di 30 minuti, mentre partendo da Milano impiegherete circa 1.30 per raggiungere il castello. 

Per posteggiare l’auto o la moto, vi segnaliamo un ampio parcheggio proprio di fronte all’ingresso. Se alloggiate nel castello, invece, potrete richiedere ai proprietari di parcheggiare all’interno delle mura.

In Autobus

Per raggiungere Gropparello con i mezzi pubblici si consiglia di partire da Piacenza. Dal capoluogo di provincia partono 3 corse giornaliere dalla Piazza della Stazione. La fermata di arrivo è “Gropparello – Castello”. È possibile consultare qui gli orari della linea.

In Treno

Il comune di Gropparello non dispone di una stazione dei treni. Si consiglia quindi di arrivare alla stazione dei treni di Piacenza e da lì utilizzare un autobus di linea per raggiungere il paese. In alternativa, si può scendere alla stazione di Fiorenzuola, da dove usufruire dei mezzi pubblici in direzione Gropparello. 

Per ulteriori informazioni sugli orari e i biglietti si rimanda al sito di Trenitalia.

Scarica la guida PDF Gratis!

Niente SPAM, promesso!
Scarica ora gratis

Scarica GRATIS la Guida dei Colli Piacentini

Riceverai subito il PDF via E-mail